fbpx

Qual è il giusto contenuto da dare ad un’email?

Quando scriviamo un’email il nostro pensiero è sempre lo stesso: se qualcuno ha scelto di volerci leggere, dobbiamo fare tutto quello che possiamo per meritare uno spazio nella sua posta elettronica.

E sappiamo che ce la dobbiamo giocare bene, perché se è un utente ha scelto e ha chiesto di leggerci, è predisposto a farlo perché si aspetta qualcosa di interessante. 

Ed è quello che abbiamo il dovere di dargli. Se no il rischio è che resterà deluso e il nostro spazio nella posta indesiderata sarà assicurato. 

Scontato? Mica tanto!

Uno dei problemi che spesso viene riscontrato nell’email marketing, infatti, è che si tratta di uno strumento che veicola messaggi che sono poco pertinenti e che non rispondono con precisione agli interessi specifici dei destinatari.

E che, quindi, in definitiva, sono noiosi o, addirittura, fastidiosi.

Per questo è necessario riuscire ad individuare il giusto contenuto quando si invia un’email, e per farlo bisogna seguire alcune regole di base:

Vendere con le email - Strategia e Contenuto

1) Avere un obiettivo

Per sapere cosa scrivere, dobbiamo sapere innanzitutto a cosa vogliamo puntare.

Qual è l’obiettivo? Cosa vogliamo raggiungere?

Una volta definito questo con un’adatta strategia di marketing, è necessario andare dritti al punto.

Senza inutili fronzoli e giri di parole.

Il cliente che riceve una mail deve avere ben chiaro il vantaggio che ne ottiene.

2) Essere educati

Personalmente credo molto, da sempre, nella netiquette.

Mai dimenticare che si sta comunque invadendo uno spazio privato: la posta elettronica.

Mi viene in mente quando torniamo a casa, guardiamo verso la cassetta delle lettere, vediamo cose che spuntano,   poi ci avviciniamo e scopriamo che ci sono i soliti volantini infilati alla meno peggio.

Non so voi, ma io, mi dispiace ammetterlo, di solito cestino senza pensarci due volte.

Altro è il nostro atteggiamento quando ci arriva periodicamente il catalogo Ikea, o la promozione, magari bimestrale, del nostro negozio preferito. Perché?! 

Perché si tratta di informazioni che hanno un contenuto interessante, che non sono troppe e troppo invasive, che abbiamo richiesto e che comunque non tradiscono le nostre aspettative.

Calendario editoriale - www.vendereconlemail.com

3) Usare un calendario editoriale

Può essere uno strumento utile usare un calendario editoriale.

Serve a dare le informazioni giuste, con la giusta cadenza senza essere ripetitivi.

Questo non vuol dire che se ci sono delle occasioni particolari non si possa uscire fuori dalla programmazione.

Ma programmare serve, senza dubbio, a comunicare in modo più pertinente, destando il giusto interesse, creando attesa, senza essere petulanti.

4) Tenere sotto controllo i risultati

La strategia di marketing è fondamentale per darci il quadro del punto di partenza e degli obiettivi che possono essere raggiunti.

Sempre che si tratti di una strategia seria e non ci sia qualcuno che sta solo cercando di venderci fumo con la manovella per illuderci.

Se ci siamo rivolti ad un professionista veramente serio per la nostra strategia di marketing, saremo seguiti nei vari step, per verificare passo dopo passo i risultati. Potrebbero non essere quelli che ci si aspettava: ma se questo accade, niente paura! Non c’è niente che non possa essere aggiustato strada facendo, se si ha la giusta capacità strategica e analitica.

5) Miscelare promozioni e intrattenimento

Buttare giù delle email con un contenuto promozionale è la cosa più semplice che possa farsi e magari nel breve periodo ci da’ anche l’illusione di una corretta conversione.

Ma se quello che ci interessa è fidelizzare i nostri clienti, dar loro cioè un motivo per continuare a leggere le notizie che riguardano la nostra azienda, le email devono essere un sapiente mix di proposte commerciali e “intrattenimento”. Email che hanno contenuto ironico e divertente, attirano l’attenzione, e sono un giusto gancio per i messaggi successivi che magari saranno più strettamente commerciali.

Flora